Fisioterapia e mal di testa

Il mal di testa o cefalea è attualmente uno dei disturbi più diffusi al mondo. Una delle prime cause di disabilità che compromettono la qualità di vita della persona. Esistono numerose forme di mal di testa differenti per origine, caratteristiche, sintomi, segni, frequenza, intensità, localizzazione; per questo sono state classificate secondo il Sistema Internazionale di Classificazione del Mal di Testa – ICHD-3. Nell’ambito di tale classificazione si riconoscono due grandi gruppi: le cefalee primarie e le cefalee secondarie.

Tra le cefalee primarie, ad origine idiopatica ossia senza causa apparente, le due forme più diffuse sono la cefalea tensiva e l’emicrania. Tra le cefalee secondarie, ovvero conseguenti a disfunzioni, disordini o patologie, abbiamo la cefalea cervicogenica dovuta a disfunzioni muscolo-scheletriche della colonna cervicale in particolare dei primi livelli vertebrali.

La cervicalgia, comunemente detta dolore al collo, è caratteristica della cefalea cervicogenica ma è presente fino all’80% dei casi di emicrania, cefalea tensiva e cefalee miste. Per tale motivo il mal di testa è uno dei primi disturbi motivo di consultazione presso studi fisioterapici specializzati come il nostro nella gestione di tale problema.

Grazie agli studi più attuali sull’argomento, ad opera di ricercatori internazionali, molti dei quali fisioterapisti, si conoscono sia alcuni dei meccanismi neurofisiologici che possono scatenare, peggiorare o condizionare il mal di testa sia le tecniche che posso modulare tali meccanismi. Esiste un meccanismo bidirezionale che fa capo al nucleo trigeminale cervicale e ai tre nervi cervicali superiori che è in relazione con la cefalea cervicogenica ma anche con le forme primarie quali la cefalea tensiva e l’emicrania.

Data la sovrapposizione dei sintomi nelle diverse forme di mal di testa e la compresenza di disfunzioni muscolo scheletriche comuni alle varie forme è fondamentale un’attenta valutazione muscolo-scheletrica per poter definire un piano di trattamento efficace. L’approccio rimane comunque multidisciplinare richiedendo sempre l’intervento del neurologo e del fisioterapista specializzato e talvolta l’intervento di altre figure come lo psicologo, il nutrizionista, l’odontoiatra.

Iter diagnostico e terapeutico per i pazienti che soffrono di mal di testa

Il primo passo è la visita medica eseguita da un neurologo specializzato in cefalee, il quale formulerà una diagnosi con raccolta anamnestica prossima e remota approfondita e con utilizzo di scale di valutazione atte ad identificare tutti i fattori in relazione con il disturbo nella sfera biopsicosociale della persona.

Il secondo passo sarà un’attenta valutazione muscolo-scheletrica da parte del fisioterapista che andrà a ricercare tutte le possibili  origini del dolore muscolo-scheletrico:

  • Valutazione della mobilità attiva passiva e accessoria del distretto cranio-cervico-mandibolare e dorsale.
  • Riproduzione dei sintomi del paziente con tecniche on-off di attivazione e spegnimento del dolore.
  • Identificazione di aree muscolari e fasciali disfunzionali che riproducono i sintomi o comunque in relazione con le aree del dolore.
  • Identificazione dei fenomeni legati alla cronicizzazione e alla sensibilizzazione centrale (fenomeno spesso presente ma poco considerato).

Piano di trattamento

Verrà definito in accordo con il paziente e prevederà:

  • Sedute individuali di terapia manuale con tecniche supportate dalla letteratura scientifica atte a ristabilire la mobilità del distretto cranio-cervico-mandibolare, risoluzione delle disfunzioni miofasciali presenti, esercizi specifici di attivazione dei muscoli ritenuti deficitari o in relazione con i sintomi manifestati, biofeedback.
  • Piano individuale da seguire a casa: attività, esercizi, alimentazione, tecniche di rilassamento.
  • Terapia farmacologica e integratori alimentari: se necessari e su prescrizione medica.

Il nostro studio applica con rigore metodologico le più recenti evidenze scientifiche per il trattamento del mal di testa: se intendi affrontarlo in modo adeguato e risolutivo, contattaci senza impegno, anche solo per avere maggiori informazioni a riguardo.

Bibliografia

ICHD-3, https://ichd-3.org/classification-outline/

Getsoian SL, Gulati SM, Okpareke I, Nee RJ, Jull GA.
Validation of a clinical examination to differentiate a cervicogenic source of headache: a diagnostic prediction model using controlled diagnostic blocks.
BMJ Open. 2020;10(5):e035245. Published 2020 May 5. doi:10.1136/bmjopen-2019-035245

Jull GA, Stanton WR.
Predictors of responsiveness to physiotherapy management of cervicogenic headache. Cephalalgia.
2005;25(2):101‐108. doi:10.1111/j.1468-2982.2004.00811.x

Zito G, Jull G, Story I.
Clinical tests of musculoskeletal dysfunction in the diagnosis of cervicogenic headache.
Man Ther. 2006;11(2):118‐129. doi:10.1016/j.math.2005.04.007

Rubio-Ochoa J, Benítez-Martínez J, Lluch E, Santacruz-Zaragozá S, Gómez-Contreras P, Cook CE.
Physical examination tests for screening and diagnosis of cervicogenic headache: A systematic review.
Man Ther. 2016;21:35‐40. doi:10.1016/j.math.2015.09.008